giovedì 20 dicembre 2012

Pane di Enkir


Enkir questo sconosciuto... abbiamo sentito questo nome per la prima volta da Bonci e, grazie a lui e a Fulvio Marino, abbiamo appreso che l'Enkir è un'erba spontanea di grande gusto e digeribilità: è il primo cereale apparso sulla terra 10-12.000 anni fa.
Dovevamo assolutamente provarlo!
Abbiamo trovato i prodotti del Mulino Marino ed acquistato un sacchetto di farina di Enkir, ma ahinoi, si sa il tempo è tiranno, e non siamo riusciti a panificare subito. Con licoluva che scalpitava in frigorifero e l'Enkir che, dal mobile delle farine, ci invitava alla prova, non potevamo davvero attendere oltre, così ci siamo messi al lavoro ed ecco il nostro pane profumato, dal sapore avvolgente e pieno che ci riporta indietro nel tempo. 
E' un pane di facile realizzazione, da infornare dopo sole 6 ore circa di lievitazione!
Lo abbiamo rifatto due volte: la prima come suggerito da Bonci utilizzando uno stampo e la seconda, quella di questo post, senza stampo.
Licoluva si è "adattato" alle nostre esigenze perchè, dopo aver fatto un rinfresco totale, lo abbiamo rimesso in frigorifero ed il giorno dopo abbiamo proseguito con gli altri due rinfreschi; il lievito si è comportato benissimo e la lievitazione era spettacolare!

Ingredienti:
  • 500 g farina di Enkir
  • 250 g di licoluva rinfrescato 3 volte
  • 210 g acqua (la dose suggerita da Bonci è pari al 70% noi abbiamo calcolato anche l'acqua contenuta in licoluva)
  • 10 g sale Mothia
  • 1 cucchiaino di malto d'orzo bio
  • un cucchiaio di olio evo
Procedimento:
La Domenica pomeriggio abbiamo inserito nella planetaria licoluva, olio evo, malto d'orzo, l'acqua tiepida ed iniziato ad impastare con il gancio ad uncino unendo la farina gradatemente. Dopo un breve riposo abbiamo incorporato il sale e lavorato ancora per qualche minuto staccando l'impasto dal gancio al bisogno.
Abbiamo infarinato il tavolo da lavoro
braccio destro al lavoro
rovesciato l'impasto, fatto un giro di pieghe, messo a lievitare in una ciotola unta di olio evo coperta ed avvolta in un caldo abbraccio di lana.
Dopo 4 ore abbiamo ripreso l'impasto, lo abbiamo sgonfiato delicatamente, diviso in due parti ripiegato, dato la forma e messo in due stampi da plumcake, foderati da un canovaccio spolverato di farina, 

in cui li abbiamo avvolti coprendo il tutto con uno scialle di lana e lasciato lievitare per altre 2 ore trascorse le quali abbiamo trasferito i pani sulla placca ricoperta da carta forno, inciso la superficie, 

ed infornato a forno già caldo a 250° per i primi 10 minuti abbassando a 200° per i successivi 30 - 35 minuti.
Sfornato lo abbiamo lasciato riposare e... abbiamo gustato una meraviglia!
Buon appetito!

15 commenti:

  1. che bello che è...io invece sono negata per il pane!!!
    bacioni cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo ero, non puoi immaginare all'inizio quanti esperimenti falliti...
      Riprova vedrai che soddisfazione!
      Buon Natale!

      Elimina
  2. già provata, più di un anno fa feci una pizza con farina enkir e licoli, venne benissimo, non avevo visto Bonci, ma le farine Marino sì, provala e ti piacerà anche la pizza, il tuo pane mi piace molto...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, proverò anche la pizza.
      Buon Natale!

      Elimina
  3. Anche se non potrò provare questa farina, il tuo pane è bellissimo e lo mangerei volentieri se potessi. Comunque sia non conoscevo questa farina e sono molto contenta di aver imparato una cosa nuova :-))

    RispondiElimina
  4. Bellissimo Maria Vittoria, è stupendo!!
    A proposito di Cristina che mi ha preceduta nei commenti, leggendo la presentazione dell'Enkir, mi chiedevo: contiene glutine???
    Carpiato triplo :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna,
      purtroppo per le amiche senza glutine anche questo cereale lo contiene ed è indicato come VIETATO alla Aic sotto la voce monococco come puoi vedere da questo link http://www.celiachia.it/dieta/Dieta.aspx?SS=182&M=485 .
      Carpiato triplo e Buon Natale!

      Elimina
  5. ahimè questo enkir è un concentrato di glutine :-(

    ma questo pane è fenomenale!!!

    arriverà il momento in cui riusciranno a trovare una soluzione per mangiare il glutine ai celiaci senza problemi!!

    al momento ci teniamo la dieta :-)

    approfitto per lasciarti i miei auguri e quelli del mio celiachino per Natale

    affettuosità

    Vale

    RispondiElimina
  6. Buone feste carissima Maria Vittoria, tanti auguri a tutta la famiglia!
    Per adesso mi porto avanti, poi se ho tempo....
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna,
      pace e serenità a te e alla tua famiglia!
      Bacio triplo

      Elimina
  7. Non ho speranza di trovare questa farina qui ma il pane che avete fatto è stupendo!! Un abbraccio e tantissimi auguri di Buone Feste a tutta la famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ornella,
      ricambio di cuore, tanti auguri anche a te e alla tua famiglia!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. sono sempre estasiata dalla tua vena panificatrice, soprattutto perchè questo lievito mi incuriosisce, o forse oggi è il caso di dirlo, sono ancor più curiosa riguardo questa farina.....ma quante ne sai???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Artù,
      grazie ma non si finisce mai di imparare...
      Ti auguro un anno sereno!!!
      Un abbraccio

      Elimina