lunedì 15 aprile 2013

Gnocchi pomodoro e olive per il 100% Vegetal Monday

Benvenuta primavera! 
Sabato mattina sono arrivate le nostre rondini deliziandoci con poetiche giravolte nel cielo e con il loro canto allegro. Ed allora via con un piatto leggero e gustoso, che affonda le sue radici nella tradizione della cucina contadina; la ricetta degli gnocchi è di mia Nonna Elena ed è stata una delle prime preparazioni fatte col Braccio destro. 
Mia nonna non usava le uova nell'impasto così, da sempre, abbiamo preparato gnocchi vegan! 
Piatto gustoso e apparentemente povero: le patate sono una miniera di nutrienti (vitamina C, potassio, vitamina B5, vitamina A), il pomodoro è ricco di licopene e provitamina A ed unito all'olio evo moltiplica i suoi effetti benefici, per finire con olive, basilico e peperoncino, armonia salutare e perfetta che delizia il palato.
Adatti da preparare con i bambini, togliendo naturalmente il peperoncino. 
La semplicità di pochi ingredienti, la magia delle "mani in pasta" danno così tanta soddisfazione da convincere anche gli irriducibili dello "sciopero della forchetta" o del "non mi piace" a gustarne una generosa porzione!

Ingredienti per 4 - 5 porzioni:
Per gli gnocchi
  • 1 kg di patate farinose (pesate già pulite) noi usiamo quelle al Selenio
  • 200 g di farina 00 bio
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro bio
  • sale fino Mothia (circa un cucchiaino)
Per il sugo
  • passata di pomodoro bio (circa 700 ml)
  • olive nere taggiasche sott'olio a piacere (noi le abbiamo sciacquate per togliere l'olio in eccesso)
  • 1 spicchio di aglio rosa
  • sale dei Papi di Cervia q.b.
  • zucchero un pizzico
  • olio evo ligure
  • peperoncino rosso
  • basilico  q.b.
Procedimento:
Abbiamo lavato le patate, cotte al vapore, le abbiamo pelate e schiacciate ancora calde con il nostro storico schiacciapatate.
Abbiamo posto al centro le farine, il sale e lavorato l'impasto sino a renderlo omogeneo lasciandolo riposare per circa 15 minuti










trascorsi i quali abbiamo formato dei cilindri 
Braccio destro al lavoro
 e ricavato gli gnocchi tagliandoli a pezzetti il più regolari possibile 
Braccio destro al lavoro
li abbiamo rigati con una forchetta 
ed adagiati su un telo spolverato di farina a riposare.
Mentre in una pentola capiente portavamo ad ebollizione abbondante acqua salata, ci siamo occupati del condimento.
Abbiamo messo un cucchiaio di olio in una padella e vi abbiamo rosolato l'aglio che abbiamo successivamente tolto ed aggiunto la passata di pomodoro, un poco di zucchero, il sale, le olive taggiasche.  Dopo una breve cottura, circa 20 minuti, abbiamo unito il basilico e completato con una spolverata di peperoncino.
Abbiamo tuffato i nostri gnocchi nell'acqua bollente salata per una breve cottura, circa 5 minuti dalla ripresa del bollore, li abbiamo scolati con la schiumarola e messi nello scolapasta per eliminare l'acqua in eccesso. 
Disposti nei piatti li abbiamo conditi col nostro sughetto, irresistibili!
Buon appetito!
Due porzioni sono partite per una tavola amica...
Con questo piatto partecipiamo al 100% Vegetal Monday (le nostre motivazioni si possono trovare qui)

8 commenti:

  1. Amo gli gnocchi e non ti nascondo che il tuo piatto è davvero molto invitante, saporito e colorato. Bravissima.

    RispondiElimina
  2. Adoro gli gnocchi! Con questo sughetto sembrano deliziosi!

    RispondiElimina
  3. ma che belli questi gnocchi. sono assolutamente da provare, anche mia nonna li faceva senza uovo, ma ahimè si è portata via la ricetta....questa me la segno!!!

    RispondiElimina
  4. @Giovanna Bianco
    Grazie Giovanna, con questo colore allegro e impasto divertente riuscivo a convincere l'allora "piccolo" a mangiare... buona giornata!
    @Cinzia Tamburo
    Grazie Cinzia, buona giornata!
    @Artù
    Grazie Artù,eh anche la mia si è portata via tante ricette... le aveva tutte in testa e nessuno ha pensato di fissarle su carta.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Arrivati in orario anche se aspettavo un one invece di due ini..... Grazie :)
    Buoni col peperoncino, è assolutamente necessario.

    Carpiato e gironzolamento senza limiti d'orario, questa volta non per smaltire ma per gioire ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna,
      non potevo trascurare il consorte nipponico anche se la tua porzione era più abbondante... meno male che il teletrasporto ha funzionato a dovere!
      Triplo salto mortale...;-)))

      Elimina
  6. Che buoni, mamma mia! Se ti va puoi partecipare al mio Linky Party "La Cucina di una Volta", dal mercoledì al venerdì, con una tua ricetta! A presto!
    www.lavitafrugale.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,
      passo a trovarti, buon fine settimana!

      Elimina