domenica 12 marzo 2017

Quanti modi di fare e rifare il Gulasch di manzo (Rindsgulasch)

L'appuntamento di questo mese con la cucina regionale della Cuochina è in Trentino Alto Adige per gustare un delizioso stufato: il gulasch di manzo (vi rimandiamo alla Cuochina per la ricetta originale ed il passo passo)
E' un piatto gustoso e semplice, a cottura lenta e paziente, che mi ha fatto fare un viaggio nel tempo e nello spazio, da Salisburgo appena sposata a Budapest qualche anno dopo, e sono stata molto felice di rifare questa ricetta col Braccio Destro.
Per la nostra versione abbiamo omesso lo strutto a favore dell'olio extra vergine di oliva, abbiamo infarinato leggermente i bocconcini per avere un sughetto vellutato, abbiamo usato metà paprika dolce e metà paprika forte per un tocco di piccante, bagnato con un poco di vino rosso ed accompagnato il gulasch con dei gustosi spaetzle, che con la "puccia" sono buonissimi, insomma un piatto da fare e rifare!!! 

Ingredienti per 4 porzioni
Per il Gulasch:
  • 1 Kg di aletta di vitellone che abbiamo tagliato a cubetti
  • 350 g di passata di pomodoro 
  • 1 cipolla grande
  • brodo vegetale (circa mezzo litro)
  • olio evo abruzzese
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 tazzina da caffè di vino rosso
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 foglie di alloro
  • 1 presa di maggiorana secca
  • 1 cucchiaino di semi di cumino
  • 2 cucchiaini di paprika dolce
  • 2 cucchiaini di paprika forte
  • 1/4 di scorza di limone di Sorrento grattugiata
  • sale
Per gli spaetzle:
  • 200 g di farina debole
  • 2 uova bio
  • 65 g di latte (la quantità di latte varia a seconda della dimensione delle uova, l'impasto deve essere cremoso ma non liquido)
  • 6 g di sale
  • 1 noce di burro
  • schiacciapatate con apposita trafila per spaetzle
Procedimento
In una casseruola abbiamo rosolato la cipolla tritata finemente con un paio di cucchiai di olio evo aggiungendo un poco di brodo per farla appassire senza bruciare.
Abbiamo infarinato la carne e, quando la cipolla si è ammorbidita e asciugata, vi abbiamo unito la carne, l'abbiamo rosolata su tutti i lati ed abbiamo sfumato con il vino rosso.  Abbiamo aggiunto qualche mestolo di brodo, la passata, la paprika dolce e forte, il cumino, la maggiorana, l'alloro, l'aglio e la scorza di limone, regolato di sale,

coperto con una retina ed il coperchio e cotto per due ore e mezza a fuoco basso aggiungendo brodo e girando di tanto in tanto. A cottura ultimata abbiamo tolto le foglie di alloro ma non l'aglio che in cottura si è sciolto, condito con un cucchiaio di olio evo e tenuto al caldo.
Per gli spaetzle: in una ciotola abbiamo sbattuto le uova con il sale ed il latte, aggiunto la farina, impastato bene con una forchetta sino ad ottenere un impasto cremoso ma abbastanza denso che potesse stare nello schiacciapatate senza colare
abbiamo portato ad ebollizione l'acqua salata e formato gli spaetzle facendoli cadere direttamente nell'acqua con una leggera pressione. Di solito col peso si staccano da soli alla misura giusta ma, se necessario, ci si può aiutare tagliandoli alla base con la punta di un coltello.
Abbiamo lasciato cuocere per un paio di minuti, scolati con una schiumaiola e poi li abbiamo ripassati in padella con una noce di burro e serviti accanto al gulasch...
delizioso, buon appetito!
Ringraziamo la Cuochina per averci ospitati nella sua cucina ed averci insegnato una squisita ricetta regionale.
Un grazie ad Anna e Ornella per il loro lavoro.
Il prossimo appuntamento è per il 09/04/2017 alle 9,00 per gustare insieme il Tagano

Un grazie a tutte le Cuochine che passeranno di qui!

6 commenti:

  1. Buongiorno carissimi Maria Vittoria & Braccio D.!
    La primavera finalmente si sta avvicinando accompagnata da tiepidi raggi solari, melodiosi cinguettii e gemme pronte a sbocciare! Nell'attesa di ammirare la completa, meravigliosa rinascita della Natura, oggi abbiamo preparato un goloso piatto, adatto per tutte le stagioni: il gulasch di manzo.
    Cuochina, Anna e Ornella vi ringraziano per la vostra super golosissima versione, abbinata a dei meravigliosi spaetzle !!

    Il prossimo appuntamento con l’allegra cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà il 9 aprile con una ricetta regionale siciliana, precisamente agrigentina, che si prepara il venerdì santo per gustarla il lunedì di Pasquetta: il il Tagano
    Vi aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. ciao Maria Vittoria e B.D.
    sempre un po' magici...Salisburgo (città dai tetti blu), un Gulasch con paprika dolce e piccante e poi e poi... gli spaetzle.
    Un applauso!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  3. Ciao M.Vittoria e BD complimenti per il vostro gulasch anche a me questo piatto mi fa ricordare tanti vacanze d'incanto. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Buoni i gnocchetti, mi copio la ricetta perché è un po' che voglio provare a farli. Un abbraccio alla prossima :)

    RispondiElimina
  5. Buonissimo davvero e l'iddea degli spatzle è perfetta..un piatto unico gustosissimo!!!

    RispondiElimina
  6. Magnifica versione con gli spaetzle, un accostamento spettacolare, complimenti!!!
    Alla prossima

    RispondiElimina